Studio Legale Pascotto

Avvocato Civilista
Separazione e abbandono della casa coniugale: non sempre è causa di addebito 150 150 Graziella Pascotto

Separazione e abbandono della casa coniugale: non sempre è causa di addebito

Per la Corte di Cassazione (ord. 12241 del 23.6.2020), la separazione non è addebitabile alla moglie se l’abbandono della casa familiare si verifica in un momento in cui l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza si era già verificata.

Il principio è stato già, più volte, espresso dalla Suprema Corte che pur confermando come l’abbandono volontario della casa familiare, di per sè costituisca violazione di un obbligo matrimoniale e dunque sia causa di addebito della separazione, ha chiarito che è sempre possibile provare – e l’onere incombe a chi ha posto in essere l’abbandono – che esso è stato determinato dal comportamento dell’altro coniuge, ovvero quando il suddetto abbandono sia intervenuto nel momento in cui l’intollerabilità della convivenza si sia già verificata, ed in conseguenza di tale fatto.

Nel caso esaminato era da subito emerso che entrambi i coniugi, nella breve esperienza matrimoniale (la separazione di fatto era intervenuta molto presto) non avevano costruito un «rapporto fatto di affezione, progettualità di coppia e condivisione», cosicché la causa del fallimento della convivenza non era imputabile alla sola sola moglie.

https://www.studiocataldi.it/articoli/38970-cassazione-niente-addebito-alla-moglie-che-ha-abbandonato-il-tetto-coniugale.asp

Invalidi civili totali: la legge non assicura i mezzi necessari per vivere 150 150 Graziella Pascotto

Invalidi civili totali: la legge non assicura i mezzi necessari per vivere

€ 285,66 mensili, previsti dalla legge per le persone totalmente inabili al lavoro per effetto di gravi disabilità, non sono sufficienti a soddisfare i bisogni primari della vita, violando, così, il diritto al mantenimento che la Costituzione (art. 38) garantisce agli inabili.

È quanto si legge nel comunicato stampa diffuso ieri dalla Corte costituzionale, a seguito della camera di consiglio svoltasi il 23.6.2020, durante la quale è stata esaminata una questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’appello di Torino.

ll caso che ha dato origine alla decisione riguarda una persona affetta da tetraplegia spastica neonatale, incapace di svolgere i più elementari atti quotidiani della vita e di comunicare con l’esterno.

E’ invece l’importo di € 516,46, da tempo riconosciuto, per vari trattamenti pensionistici, dall’art. 38 della L. 448/2011, che va assicurato agli invalidi civili totali, senza attendere il raggiungimento dei 60 anni, attualmente previsto dalla legge. Conseguentemente, questo incremento dovrà d’ora in poi essere erogato a tutti gli invalidi civili totali che abbiano compiuto i 18 anni e che non godano, in particolare, di redditi su base annua pari o superiori a € 6.713,98.

La pronuncia non ha effetto retroattivo.

https://www.cortecostituzionale.it/documenti/comunicatistampa/CC_CS_20200624123612.pdf

Assegno spedito per posta e incassato da soggetto non legittimato: chi è responsabile? 150 150 Graziella Pascotto

Assegno spedito per posta e incassato da soggetto non legittimato: chi è responsabile?

Le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n. 9769 del 26.5.2020, hanno risolto il contrasto giurisprudenziale esistente, stabilendo che spedire per posta ordinaria un assegno, anche se munito di clausola di intrasferibilità, costituisce, nell’ipotesi di sottrazione del titolo e riscossione da parte di un soggetto non legittimato, condotta idonea a giustificare l’affermazione del concorso di colpa del mittente.

Tale condotta, infatti, comporta l’esposizione volontaria del mittente ad un rischio superiore a quello consentito dal rispetto delle regole di comune prudenza e del dovere di agire per preservare gli interessi degli altri soggetti coinvolti nella vicenda.

Il comportamento del mittente concorre dunque con il comportamento colposo eventualmente tenuto dalla banca nell’identificazione del presentatore.

La sentenza è certamente di grande interesse per le Compagnie assicurative ancora abituate a spedire al beneficiario del risarcimento/indennizzo l’assegno non trasferibile a mezzo della posta ordinaria. Non sono poche infatti le azioni di rivalsa che le Compagnie avviano nei confronti delle Banche che hanno negoziato i titoli incassati abusivamente, poichè costrette ad eseguire un secondo pagamento nei confronti dei veri beneficiari.

https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/06/24/assegno-spedito-per-posta-e-incassato-abusivamente-il-nodo-della-responsabilita-sciolto-dalle-ss-uu

Funzionalità dell’autovelox e onere della prova 150 150 Graziella Pascotto

Funzionalità dell’autovelox e onere della prova

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 11869 pubblicata il 18.6.2020, in materia di autovelox, stabilisce come non sia sufficiente che il verbale attesti l’uso di uno strumento “debitamente omologato e revisionato”, ma è l’ente che effettua la rilevazione a dover dimostrare il “perdurante funzionamento” dell’apparecchiatura nell’accertamento della violazione nel tempo.

In altre parole spetta sempre all’amministrazione provare che l’autovelox è stato omologato e sottoposto alla verifica periodica in quanto fatto costitutivo della sua pretesa. Non basterà all’ente produrre in giudizio i soli documenti che attestano l’omologazione e la corretta installazione dell’apparecchio, con la conseguenza che, in caso, di mancata prova della verifica periodica, il verbale dovrà essere annullato.

La decisione ci si augura serva ad imporre alle amministrazioni accertatrici la certezza delle rilevazioni, troppo spesso dimenticata a discapito dei cittadini e a favore esclusivo delle casse degli enti.

https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/06/23/illegittimo-il-verbale-per-eccesso-di-velocita-se-l-autovelox-e-stato-sottoposto-a-controlli-periodici

Legittimo l’utilizzo dell’agenzia investigativa per verificare l’insussistenza della malattia 150 150 Graziella Pascotto

Legittimo l’utilizzo dell’agenzia investigativa per verificare l’insussistenza della malattia

La Cassazione (ordinanza n. 11697 del 17.6.2020) ha respinto il ricorso di un dipendente licenziato nei confronti del datore di lavoro che aveva assunto un investigatore privato per scoprire la veridicità della malattia, confermando così la possibilità per il datore di lavoro di avvalersi di investigatori privati se serve per accertare un inadempimento contrattuale o disciplinare.

ll datore di lavoro, afferma la Suprema Corte, ha la facoltà di servirsi di un investigatore privato ogni volta che ha il sospetto che il mancato svolgimento dell’attività lavorativa sia riconducibile alla perpetrazione di un illecito, anche quando l’illecito è in corso di esecuzione.

Sono possibili dunque appostamenti e pedinamenti al domicilio del dipendente e altri luoghi in cui si svolge la sua vita privata dato che l’investigazione serve a portare alla luce una condotta illecita, ad es. la truffa ai danni dell’Inps e dell’azienda.

Resta vietata l’attività investigativa per assumere informazioni personali e private del dipendente (orientamento sessuale o credo religioso), nel rispetto del diritto alla privacy.

https://www.studiocataldi.it/articoli/38904-cassazione-ok-all-investigatore-per-accertare-se-la-malattia-del-dipendente-e-vera.asp

E’ operativo il credito d’imposta sulle locazioni non abitative e affitti d’azienda 150 150 Graziella Pascotto

E’ operativo il credito d’imposta sulle locazioni non abitative e affitti d’azienda

La circolare numero 14/e del 6.6.2020 dell’Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti sul c.d. bonus affitti.

Si tratta del bonus che permette alle aziende e ai professionisti di “convertire” parte del canone di locazione pagato nei mesi di marzo, aprile e maggio in credito d’imposta spendibile in fase di dichiarazione dei redditi o per compensare altri debiti fiscali.

La circolare dell’Agenzia delle Entrate precisa che il bonus affitti può essere immediatamente utilizzato dai beneficiari. Il credito risultante può essere infatti utilizzato a compensazione tramite modello F24, utilizzando il codice tributo “6920”. In alternativa può essere ceduto al locatore o ad altri soggetti, ad es. istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Lo sgravio fiscale può consistere in un credito d’imposta del 60% nel caso di canoni di locazione per immobili a uso non abitativo; oppure in un credito d’imposta del 30% nel caso di contratto d’affitto d’azienda.

Attenzione perchè per poter usufruire del credito d’imposta è necessario che i canoni siano stati effettivamente versati. L’agevolazione, dunque, risulterà essere sospesa sino al momento in cui non verrà saldato il “debito” nei confronti del proprietario dell’immobile o del titolare dell’attività.

https://www.informazionefiscale.it/credito-imposta-affitti-locazioni-istruzioni-agenzia-delle-entrate

Antitrust multa Enegan per pratiche commerciali scorrette 150 150 Graziella Pascotto

Antitrust multa Enegan per pratiche commerciali scorrette

L’Autorita’ Garante della Concorrenza e del Mercato ha definito il procedimento avviato nei confronti della societa’ Enegan, accertando l’adozione di una pratica scorretta nell’ambito della fornitura di servizi di energia elettrica e gas, consistente sia nella fatturazione, di diverse voci di costo e penali per recesso non dovute dagli utenti, sia nell’omissione d’informazioni rilevanti e trasparenti sulla natura di tali oneri. In considerazione della gravita’ della condotta tenuta, l’Antitrust ha irrogato a Enegan una sanzione pari a € 2.875.000.

In particolare Enegan, in caso di recesso contrattuale, ha addebitato agli utenti oneri a titolo di recupero dei costi di attivazione che rappresentavano, viceversa, delle penali per l’uscita dal contratto, che la Societa’ stornava in fattura solo a seguito dei reiterati reclami della clientela.

https://www.agcm.it/media/comunicati-stampa/2020/6/PS9753

Fratture alle dita chiuse nello sportello auto: l’assicurazione per la R.c.a. risarcisce? 150 150 Graziella Pascotto

Fratture alle dita chiuse nello sportello auto: l’assicurazione per la R.c.a. risarcisce?

E’ il caso di un bambino al quale il padre, inavvertitamente, chiudeva un dito nello sportello dell’auto in sosta, procurandogli una frattura.

I genitori proponevano richiesta di risarcimento danni nei confronti della compagnia assicurativa che tuttavia il Tribunale respingeva poiché le lesioni del minore non erano da collegarsi alla circolazione della vettura, ma derivate dalla chiusura della portiera da parte del conducente quando il mezzo era già in sosta.

Per la Cassazione al contrario (ord. 10024 del 28.5.2020) “il concetto di circolazione stradale include anche la posizione di arresto del veicolo, e ciò in relazione sia all’ingombro da esso determinato sugli spazi addetti alla circolazione, sia alle operazioni propedeutiche alla partenza o connesse alla fermata, sia, ancora, rispetto a tutte le operazioni che il veicolo è destinato a compiere e per il quale può circolare sulle strade”.

Ha quindi ritenuto “afferente alla circolazione la movimentazione degli sportelli a veicolo fermo”.

http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/dirittoCivile/responsabilita/2020-06-04/le-dita-portiera-auto-sosta-sono-risarcite-assicuratore-veicolo-093442.php

Pignoramenti immobiliari sull’abitazione principale sospesi sino al 30.10.2020 150 150 Graziella Pascotto

Pignoramenti immobiliari sull’abitazione principale sospesi sino al 30.10.2020

L’art. 54 ter della legge di conversione del D.L. n.18/2020, c.d. Cura Italia, sospende per sei mesi (dal 30.4. 2020 al 30.10.2020) ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare, che abbia ad oggetto l’abitazione principale.

Per abitazione principale si intende quella in cui dimorano abitualmente la persona fisica, che la possiede a titolo di proprietà o altro diritto reale, o i suoi familiari (art. 10, comma 3-bis del D.P.R. n. 917 del 1986).

La legge si riferisce soltanto al pignoramento della prima abitazione e non di altri beni. L’azione esecutiva su altri immobili di proprietà del debitore (ad es. box-auto o locali deposito, idonei ad essere autonomamente venduti) può essere, invece, effettuata o proseguita.

Si tratta di sospensione disposta direttamente dalla legge e pertanto, non dovrebbe dipendere da un provvedimento del Giudice dell’Esecuzione.
Stante tuttavia l’opportunità di un provvedimento di sospensione, sollecito i debitori esecutati affinchè propongano espressa istanza di sospensione documentata, dato che altrimenti sarà difficile per il Giudice accertare se il bene pignorato è abitazione principale o meno.
I Tribunali nel frattempo stanno adottando apposite linee guida (Trib. Bari in allegato).

https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/05/29/sospensione-legale-pignoramenti-prima-casa-le-indicazioni-operative-del-tribunale-di-bari

Covid-19 e vacanza annullata: voucher o rimborso? 150 150 Graziella Pascotto

Covid-19 e vacanza annullata: voucher o rimborso?

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha inviato una segnalazione a Parlamento e Governo poichè sussiste un contrasto tra il Decreto Cura Italia e la normativa europea relativamente ai rimborsi richiesti in questo periodo da chi aveva prenotato un viaggio e non è potuto partire a causa dell’ emergenza da covid-19.

Sia nell’ipotesi in cui l’annullamento sia stato deciso dalle Autorità pubbliche per tutelare la salute collettiva, sia che vi sia stato l’annullamento da parte dell’organizzatore o che la disdetta sia stata decisa dal cliente, il legislatore, con l’ art. 88 del Decreto Cura Italia, convertito con L. n. 27 del 24.4.2020, ha conferito agli operatori turistici e di trasporto il diritto di offrire il rimborso o in alternativa il voucher. Di conseguenza, ai viaggiatori che avevano chiesto il rimborso sono stati rilasciati solo voucher sostitutivi da utilizzare entro un anno.

Tale norma, tuttavia, è in contrasto con quella europea di rango superiore (Codice del Turismo) e viola palesemente il diritto del viaggiatore ad avere indietro il denaro speso se lo richiede. Dovrà essere dunque disapplicata.

Nella sua segnalazione, l’ Autorità ha evidenziato la posizione della Commissione UE nella Raccomandazione del 13.5.2020: l’ operatore può legittimamente offrire un buono, ma a condizione che i viaggiatori non siano privati del diritto al rimborso in denaro.

Il buono inoltre potrà essere valida e affidabile alternativa al rimborso solo con le caratteristiche previste dalla Raccomandazione della Commissione europea, tra le quali la copertura assicurativa per il possibile fallimento degli operatori del settore e la previsione del rimborso nel caso in cui alla scadenza il buono non sia stato utilizzato.

https://www.agcm.it/media/comunicati-stampa/2020/5/ST23