Fratture alle dita chiuse nello sportello auto: l’assicurazione per la R.c.a. risarcisce? 150 150 Graziella Pascotto

Fratture alle dita chiuse nello sportello auto: l’assicurazione per la R.c.a. risarcisce?

E’ il caso di un bambino al quale il padre, inavvertitamente, chiudeva un dito nello sportello dell’auto in sosta, procurandogli una frattura.

I genitori proponevano richiesta di risarcimento danni nei confronti della compagnia assicurativa che tuttavia il Tribunale respingeva poiché le lesioni del minore non erano da collegarsi alla circolazione della vettura, ma derivate dalla chiusura della portiera da parte del conducente quando il mezzo era già in sosta.

Per la Cassazione al contrario (ord. 10024 del 28.5.2020) “il concetto di circolazione stradale include anche la posizione di arresto del veicolo, e ciò in relazione sia all’ingombro da esso determinato sugli spazi addetti alla circolazione, sia alle operazioni propedeutiche alla partenza o connesse alla fermata, sia, ancora, rispetto a tutte le operazioni che il veicolo è destinato a compiere e per il quale può circolare sulle strade”.

Ha quindi ritenuto “afferente alla circolazione la movimentazione degli sportelli a veicolo fermo”.

http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/dirittoCivile/responsabilita/2020-06-04/le-dita-portiera-auto-sosta-sono-risarcite-assicuratore-veicolo-093442.php

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.